Vendita di informazioni riservate

Tra le voci che girano relative alla Lex Nokia ci sono anche quelle relative alla volontà di impedire che informazioni riservate trapelino via posta elettronica. Io sono un po’ scettico al riguardo ma non mi stupirei di scroprire che le voci hanno davvero un fondamento. E’ comunque tanta l’abitudine a leggere di dipendenti che si vendono le informazioni conosciute sul lavoro che mi ha incuriosito la notizia riportata dalla BBC secondo cui i datori di lavoro commerciavano informazioni riservate relative… ai lavoratori. Il desiderio di non aver a che fare con piantagrane è anche comprensibile, come è comprensibile il desiderio di chi si appresti a prendere casa e voglia sapere com’è il vicinato, ma insomma…. qui siamo alle liste di proscrizione.

G-Jaiku

Google ha annunciato l’acquisizione di Jaiku. L’annuncio e’ quanto meno strano: dice in sostanza che non sanno bene cosa farsene ma gli sembra interessante metterselo in tasca. La blogopalla e’ piena di reazioni del tipo: “perche’ non twitter?”

Io non sono un utilizzatore di questi servizi. Se guardo alla mossa di Google pero’ posso facilmente pensare che la facilita’ d’uso di Jaiku (soprattutto nella gestione dei gruppi, per quel che ho visto), il suo supporto degli RSS e la modalita’ di visualizzazione dei thread (che in twitter non sono stato capace di scovare) abbiano un loro peso. Dall’altro e’ evidente che la quantita’ di persone che usano Twitter abbia un suo perche’ (e non solo le API). Se Google voleva acquistare competenze e strumenti da integrare nella futura piattaforma GPhone o da innestare in GTalk mi pare che la cosa abbia un senso compiuto.

La mia paura, semmai, e’ che i signori di Jaiku possano fare la fine di quelli di altre startup, dimenticate negli sgabuzzini del Googleplex. Dopo aver fatto una rapida ricerca e scoperto che il co-fondatore e’ un ex Nokia di grande esperienza mi pare quanto meno improbabile che si possa assistere alla riedizione di quell’addio a Google.