E di nuovo cambio casa

Nulla di personale ma a quanto pare il setup di quasi.me su Hetzner aveva qualche problemino e qualcuno aveva iniziato ad approfittarsene. Quindi ho preferito cambiare casa. In realtà l’indirizzo giusto sarebbe blog.quasi.me ma dovrebbe funzionare quale che sia il modo in cui vi accedete. Del caso non fosse… avvisate!

Un altro anno.

Hello?
Is there anybody in there?
Just nod if you can hear me.
Is there anyone at home?

Era il 2005 e questo blog apriva i battenti dopo altri esperimenti. Oggi come allora questo è un posto che frequento volentieri e mi stupisco a che duri tuttora, come non avrei immaginato. D’altronde anche allora il prezzo del petrolio saliva vertiginosamente, fu l’anno di Katrina, di Condoleeza Rice, della morte di Giovanni Paolo II ma anche della cattura di Mordechai Vanunu in Italia da parte dell’intelligence israeliana. Intanto prendeva il volo l’Airbus A380 ed Apple rilasciava Tiger, cioè MAC OSX 10.4.

Tema.

Ci vorrebbe il paroliere dei Giganti per scrivere qualcosa in merito. Comunque sto giocando con un nuovo tema per questo blog. Se passi da queste parti e non leggi tramite il feed un parere o un commento sono sempre graditi!

my security blogs list

Ispirato da questa lista ho creato una lista di blog in tema di security che probabilmente val la pena seguire se vi interessa il tema. Ecco un simpatico file opml. Ci sono pressochè tutti quelli riportati nel pastebin ma anche molti altri che misteriosamente sono stati omessi. Abusatene a piacere.

Blogghilo! (Windows Live Writer Style Blogging Client)

Blogging clients provide authors the utility to easily write posts and add media content before publishing them on their blogs. One of the most widely used blogging client for Windows based operating systems is Windows Live Writer. Blogilo formerly known as Bilbo is a Linux based blogging client with many features similar to Windows Live Writer
Blogilo – Windows Live Writer Style Blogging Client For Ubuntu Linux

Sembra molto interessante.

Well, You Needn’t



Avrei potuto intitolare questo post anche Blue Monk (tanto per essere più esplicito) oppure Round Midnight, visto l’orario in cui scrivo. Si tratta di qualche nota sul nuovo WordPress 3.0 (Thelonius, consueto omaggio ad un grande del jazz). A proposito: se non avete mai incrociato l’omonimo film di Tavernier prestategli attenzione, è forse l’unico davvero interessante ed ha una colonna sonora azzeccatissima.

Ci sono alcune cose che ho scoperto al volo e che mi segno subito. WordPress MU è stato integrato come promesso, solo che per attivarlo tocca passare per una banale modifica di wp-config.php: define(‘WP_ALLOW_MULTISITE’, true);. Documentato, certo, ma non proprio immediato. A questo punto sarà possibile creare un Network di WordPress e iniziare a smanettare di altri file di testo. Non adatto ai deboli di cuore ma decisamente alla portata di quasi chiunque.

E’ possibile personalizzare ampiamente il menu relativo alla navigazione. Questo apre scenari davvero interessanti.

E’ possibile creare tassonomie personalizzate. Lo spiega bene Mashable.

Il nuovo tema di default è gradevole e probabilmente utilizzabilissimo!

Io non amo davvero gli “URL shorteners”. Li trovo pericolosi e dannosi. In WordPress 3.0 però c’è la funzionalità a disposizione per chi ospiti il proprio blog in casa e non si appoggi a terzi. Non credo che ne farò largo uso ma potrei anche sfruttarlo di tanto in tanto…

Non ho ancora chiaro se e quanto possano essere utili i Custom Post o i Template per gli autori.