Blogghilo! (Windows Live Writer Style Blogging Client)

Blogging clients provide authors the utility to easily write posts and add media content before publishing them on their blogs. One of the most widely used blogging client for Windows based operating systems is Windows Live Writer. Blogilo formerly known as Bilbo is a Linux based blogging client with many features similar to Windows Live Writer
Blogilo – Windows Live Writer Style Blogging Client For Ubuntu Linux

Sembra molto interessante.

Super OS?

Le distribuzione che nascono intorno ad Ubuntu non sono poche e sono spesso interessanti. Così come quelle che nascono da Debian 🙂

Non sono un amante di queste evoluzioni che troppo spesso mi deludono in termini di durata del progetto o di efficacia nel raggiungimento dello scopo promesso. Questo Super OS però mi pare più interessante di altri progetti per il gran numero di applicazioni riunite in un unico repository. Certo potreste avere mille dubbi sulla sicurezza del repository stesso ma se già utilizzate altri respositoy il problema non vi tocca…

Date un’occhiata alla lista delle applicazioni rese disponibili (a 32 e 64 bit) e sfrucugliatene il blog ufficiale.

Ubuntu (n)One

Ubuntu One
Ubuntu One


Capita che uno si metta in testa di provare a utilizzare il servizio Ubuntu One. Capita anche che uno non lo utilizzi troppo di frequente (seppur con rammarico) ma consigli ad un amico di utilizzarlo per condividere qualche informazione al volo. Dopo un po’ di tempo questo tipo si connette, cerca alla voce “Shared with me” e trova un desolante vuoto pneumatico. Il file cercato si trovava invece sotto “my files”, nella cartella “condivisi”. Magari è anche giusto così (mica mi ricordo come sia iniziata la storia della condivisione) ma me lo annoto qui, almeno la prossima volta il dubbio di cercare un po’ meglio ed altrove me lo faccio venire. E soprattutto non mi faccio ingannare da indicazioni come “Shared with me”…

BackTrack 4

BackTrack 4, nome in codice pwnsauce, sta vedendo la luce. Il Remote Exploit Team ha annunciato la versione pre-Final, cui seguirà anche la versione macchine virtuale. Il bello di questi 1.3 Gb di software non è solo nel fatto che vi trovate praticamente qualunque cosa possiate immaginare per fare penetration test o audit di sicurezza, si tratti di web, RFID o altro; neppure l’uso di strumenti raffinati quali le librerie CUDA per accelerare il password cracking. Il bello è che il tutto adesso viene gestito basandosi su di una normalissima Ubuntu (qua il post in cui si raccontano i motivi). Gli affezionati magari non gradiranno ma l’idea che domani mi basti una apt-get update && apt-get upgrade per aggiornare tutto al volo mi piace tanto. Il tutto associato alla creazione di repository ad hoc con tanto di meta-package.

C’e’ un video che spiega bene molte cose. Poi lo potete usare da live-cd, installare, personalizzare, etc. Forums e blog sono a disposizione di chi voglia approfondire.

Quando inizia la settimana?

Avendo utilizzato un po’ di piu’ Ubuntu in questi giorni mi sono accorto con fastidio che il calendario di Gnome faceva iniziare la settimana di domenica. A me invece piace guardare alla settimana vedendola iniziare il lunedì e finire la domenica. Questione di gusti. Il problema era dovuto al fatto che per antico vezzo personale utilizzo spesso il locale inglese. Una rapida occhiata alla documentazione e mi sono accorto che il problema si risolve velocemente:

  • controllate quale valore di locale state utilizzando (man locale ;-))
  • modificate il file relativo (nel mio caso /usr/share/i18n/locales/en_US) modificando la riga che inizia con first_weekday (nel mio caso il valore da impostare è 2)
  • salvare, aggiornare (man locale-gen) e riavviare il desktop (o anche solo gnome-panel)

Ovviamente si tratta di istruzioni utilizzabile con quasi qualunque distribuzione GNU/Linux.