Un pizzico di buona sorte?

Pare che dietro a quello che è da qualche mese il malware più citato della blogopalla e dell’orbe terraqueo non si celino oscuri desideri di dominare il mondo sovvertendo l’ordine costituito ma semplicemente una cricca di biechi spacciatori di finti antivirus ed amenità consimili. Dico pare, e ci spero un po’.

Quel che è certo è che se il primo aprile il pesce si rivelerà pessimo allora ne vedremo delle belle.