E’ un mondo difficile

Mentre la grande G inizia a curarsi anche della salute degli umani, oltre che dei cavi sottomarini, l’azione in borsa continua a scendere. Sara’ la recessione, sara’ la crisi della pubblicita’, saranno le truffe con i click fantasma ma siamo comunque a 5 volte il valore di collocamento. Google Health mi lascia perplesso: per il suo sfuggire all’attuale legislazione nordamericana (Health Insurance Portability and Accountability Act) in tema (se lo consideriamo un servizio di storage, quale in effetti appare). La storia di questo lancio è abbastanza lunga e travagliata ma io continuo a chiedermi a cosa possa servire se non ad incrinare la tutela delle informazioni piu’ personali. Non mi è chiarissimo chi possa essere davvero interessante ad un servizio del genere (esclusi rappresentanti di medicinali, aziende sanitarie e spacciatori di droghe assimilabili).

Yahoo!, sempre sulle sue e non ancora accasata presso MS o altri, lancia Buzz. La versione inutile ed aggiornata di Digg o Slashdot o [nomediservizioascelta], direi. Spero che non faccia la fine di reddit ma sicuramente non ha quel non so che’ di attraente che aveva StumbleUpon nel primo momento in cui lo incrociavi. Molto piu’ interessante, anche se meno appariscente, l’annuncio relativo all’apertura al mondo dei risultati delle proprie ricerche. Poco chiaro? L’annuncio dice che chiunque potra’ sottoporre dati che verranno poi utilizzati nelle risposte. Le prospettive paiono interessanti.

Intanto Microsoft che fa? Annuncia un bel programma mirato all’interoperabilita’. Dopo tutte le fatiche fatte dal team Samba per riuscire ad interoperare dignitosamente, dopo le 30.000 pagine di documentazione cartacea esibite alle autorità europee per dissipare i tanti e leciti dubbi… Boum! A me viene qualche dubbio sulla corrispondenza tra il comportamento documentato e quello reale, ma giusto perche’ tanta documentazione mi lascia sempre diffidente… Certo che se Microsoft si aprisse si potrebbe affermare che la politica della commissione Antitrust della Comunita’ ha avuto un peso decisivo.

One Reply to “E’ un mondo difficile”

Comments are closed.