E adesso la pubblicità

Alla serie di post “come fare soldi con il blog” oppure “come diventare ricchi senza fare nulla” non posso contribuire in alcun modo, e ci sono altri che sono molto più bravi di me nel vendere le loro ricette.

Questo blog non ha fini di lucro: è frutto della mia curiosità ed è un hobby. Potrebbe essere una specie di curriculum vitae alternativo a quello ufficiale. E’ di fatto una specie di blocco degli appunti che condivido. Siccome mi piace sporcarmi le mani con le cose anche quando ce ne capisco poco o nulla ho giocato anche con i vari sistemi di pubblicità disponibili, ivi inclusi quelli per le recensioni sponsorizzate. I ricavi sono andati nella mia attività da venture capitalist, cioè Kiva, e non sarebbero stati sufficienti a coprire neppure i costi (quasi trascurabili) che sostengo (volentieri!) per questo dominio e gli altri con cui gioco on line.

Tempo fa sono stato contattato dalle persone di LinkLift. Mi hanno proposto di provare il loro sistema che era ancora in beta. E’ comparso il banner qui di fianco ed ho iniziato a provarlo sia qui che su quasidot.com. Ha funzionato bene, per lo meno ben al di la’ delle mie aspettative. Posso accettare o rifiutare le inserzioni (ma c’e’ poco da fare gli schizzinosi) aggiungere o eliminare le pagine su cui pubblicare gli annunci pubblicitari… insomma, le solite cose. Rispetto ai tempi in cui usavo Adsense per monitorare le visite (ancora non esisteva Google Analytics) e calcolavo che avrei impiegato qualche decina d’anni per incassare il primo assegno i ricavi ci sono e sono stati puntualmente trasferiti sul mio conto paypal.

Se volete provarlo e lo fate utilizzando il banner a lato o questo link io potrei incassare un piccolo premio (ben 10 euro nel caso in cui pubblichiate annunci per almeno un mese di seguito ovvero acquistiate pubblicità per un controvalore di 50 euro). Non garantisco nulla ma su due cose potete stare tranquilli: questo post non è stato in alcun modo sollecitato o retribuito e ad oggi è il sistema migliore che ho trovato per monetizzare (in minima parte) questo blog. L’orario di questo post è anomalo, per le mie abitudini, ma ho deciso di rompere gli indugi e smetterla con i dubbi sul come e quando scriverne. Mica ci sarà da vergognarsi no? 🙂

2 Replies to “E adesso la pubblicità”

  1. Interessante, potrei fare un pensierino per abbandonare adsense e passare a LinkLift, sono un pò stufo di soffrire il cambio dollaro / euro.

  2. Non sono esperto di condizioni di uso di Adsense ma sicuramente Linklift e’ compatibile con il resto del mondo. Oltretutto, ed era una delle ragioni per cui l’ho tenuto pervicacemente in home page, immaginavo un calo del page rank che ad ora non si e’ visto…

    Ciao, f.

    PS Se ti serve qualche info piu’ dettagliata manda pure una mail 😉

Comments are closed.