Joost

Joost si è potuta permettere il lusso di scegliere da chi accettare un finanziamento ed ha raccolto ben 45 milioni di dollari. Io trovo molto interessante come stanno lavorando, dal punto di vista del software, dell’autenticazione e del modo in cui stanno affrontando problemi particolarmente insidiosi. Non mi stupisce quindi che ci siano frequenti problemi di funzionamento, ma siamo davvero in beta, anche se aperta ormai a chiunque lo desideri.

Mi piace particolarmente pensare che usano XUL, SVG, etc. Tutte soluzioni open, eccezion fatta per il codec. Tutto questo sciato di tecnologia, nonostante un susseguirsi di annunci di collaborazioni piu’ o meno prestigiose, e’ pero’ al servizio di contenuti insulsi, di americanate nel senso piu’ dispregiativo che posso immaginare, e di un po’ di pubblicita’. Sara’ anche quello che chiede il mercato ma sono abbastanza deluso. Se qualcuno desidera un invito per verificare di persona mi mandi una mail con nome e cognome, all’indirizzo gmail indicato nella pagina about.

2 Replies to “Joost”

  1. perfettamente d’accordo.

    come abbiamo gia’ visto piu’ volte ci sara’ qualcuno che sapara’ fare un uso migliore delle tecnologie inventate da qualcun’altro. basta solo aspettare 😉

  2. Il secondo arrivato vince? 🙂

    la cosa buffa e’ che dopo questo post ho gia’ distribuito altri inviti!

    Ciao, f.

Comments are closed.