Blogopalla e Mappe

Premessa: le classifiche, dei blog in particolare, mi appassionano sempre. La passione nasce dal fatto che se ne puo’ discutere a lungo, si puo’ assumere una posizione faziosa, e probabilmente possono essere un valido surrogato alle chiacchere sul calcio. Questo significa che seguo volentieri technorati, piuttosto che la top100 italiana di Ludo (e che bel lavoro ha fatto!).

Ho comprato nova24 (l’edicolante ha insistito per regalarmi il quotidiano allegato, non ho capito bene perche’), scaricato la mappa ufficiale e controllato quasi tutti i post che elenca Luca De Biase.

Tutti questi discorsi li ho letti avendo in mente il fatto che cosi’ come l’equazione tra blog monitorati (da technorati) e blogosfera e’ tanto fasulla quanto cara a David Sifry altrettanto si puo’ dire dello splendido lavoro fatto da BlogBabel: non e’ la mappa definitiva e precisa della blogosfera italiana. Intanto perche’ i numeri non sono certo quelli sbandierati di tanto in tanto (a breve attendo un bel “100 milioni di blog!”) ma sono di uno o forse due ordini di grandezza inferiori, poi perche’ esistono blog a loro modo influenti che difficilmente compaiono in queste classifiche. Trovate da qualche parte Nocturns (insomniac posts) di arkangel?

Mi piace molto l’idea di tracciare le conversazioni e sono (relativamente) cosciente dello sforzo tanti fanno per realizzare questo progetto. I commenti al post di Gaspar sono interessantissimi, come mi pare interessante questo post, che mi e’ comparso nell’aggregatore mentre pensavo a queste righe, e da cui rubero’ il termine blogstellation

Tutto questo per dire che dal mio punto di vista tutto questo non sposta una virgola: a me piace tenere in piedi uno o piu’ blog, mi piace il social networking – qualunque cosa sia – e trovo spunti di riflessione, idee meravigliose, polemiche argute e tanto altro nei blog che leggo. Tanto mi basta. Se poi ripenso ai tempi in cui avevo una BBS penso che le occasioni e gli stimoli sono aumentati in gran numero ed anche in qualita’, quindi va benissimo cosi’.

5 Replies to “Blogopalla e Mappe”

  1. Allora allora, dato che l’articolo su Nòva l’ho scritto io, mi sento chiamata in causa…:)

    1) Ho detto che la blogmap (così la chiamo io) è un campione rappresentativo di blog in italiano, infatti. Non di tutti. Né di tutti quelli importanti. E’ scritto, peraltro.
    Sono solo quelli che liberamente si sono iscritti alla blogbabel.

    2) Hai ragione, non è certamente la mappa definitiva e precisa dei link della blogosfera italiana per questo motivo e anche per un altro: perché la blogmap cambia di hiorno in giorno, che dico, di minuto in minuto. Se per esempio tu pubblichi un post che fa larga eco e tutti si linkano a te, mettiamo centinaia di link in poche ore (è successo a Ludo quindi può succedere anche a te), tu diventerai un centro. E i 52 centri della blogmap cambieranno. Centri, peraltro, non direttamente visibili ma calcolabili e calcolati.

    3) Lo hai letto l’articolo? Magari lo metto in rete perché molto non lo hanno potuto leggere, il Sole 24 ore era finito più o meno alle 10 di mattina. Almeno qui in centro a MI.

    Ciao Francesco

    Enrica Garzilli

  2. Ciao,

    sul punto (1) non sottilizzerei troppo: sono quelli che hanno scelto di iscriversi, sono tanti e tanto mi basta per dire che non e’ un’operarzione “peregrina” 😉

    Sul punto (2) sono d’accordo ed e’ quello a cui mi riferivo parlando di “tracciare le conversazioni”, e’ la parte piu’ affascinante. Mi piacciono le foto piu’ dei film e quindi non seguo Luca De Biase, ma solo in questo 🙂

    Infine ho comprato Nova alle 13.30 dall’edicolante di via Traiano, senza problemi. L’ho letto e mostrato a piu’ persone. Alcuni se lo sono andati a comprare alle 18 trovandolo ancora. Zona Fiera, evidentemente con scarsa densita’ di blogger 🙂

    Il senso del post voleva essere “importanti” o “influenti” in generale? Puo’ darsi (vedi Loic, Web3 e assimilabili), quello che mi sta a cuore e’ che “mi piace” e “ci gioco” volentieri. Non so se mi sono capito 🙂

    Ciao, f.

  3. P.S. Non so quali siano gli accordi con l’editore ma se venisse concesso il permesso alla pubblicazione io gli articoli li scaricherei tutti e li farei leggere a molti…

    ciao, f.

  4. Non so se sia possibile, sai il copyright ecc. ecc. Di solito il permesso non lo ridanno.

    Però in tanti mi hanno chiesto l’articolo perché, appunto, era finito (ma capita spesso, dicono), così magari lo chiedo al De Biase.

    Ciao

  5. Dipende dagli accordi che avete. Credo che avvisando prima non ci siano problemi, scegliendo una licenza ad hoc e magari proteggendo l’editore, se lo desidera. Magari potrebbe essere una domanda posta in questi termini: posto che le riviste talora concedono un certo numero di estratti all’autore non potremmo risparmiare su questo e concedere all’autore di ripubblicare il suo pezzo citando dove e quando e’ stato edito?

    Just my 0.02$ 🙂

    f.

Comments are closed.