Post si dice Billet!

Gironzolando sul sito di Google Belgio, vittima di un defacement giudiziario, ho scoperto che: (1) continuo a trovare tutti i siti dei giornali belgi coinvolti nell’affaire (sembrava dovessero essere cancellati in eterno!) e (2) che uno di questi giornali ha una serie di blog tra cui questo che, tra le altre cose, riporta la cronologia della lotta tra Davide (il quotidiano) e Golia (il Gigante della tecnologia) nonché l’augurio che sia possibile creare un’alternativa (francofona, diamine!) a G.

Un passatempo delizioso per quanti leggano il francese.